I sette vizi capitali del greenwashing

Il verde è un trend ormai indiscutibile, e un certo modo di fare comunicazione non va
troppo per il sottile per cercare di approfittarne, con il risultato di demotivare un consumatore poco preparato ed informato. Poi non è facile fare i conti con le nuove domande e le nuove prestazioni. A volte anche chi è in buona fede sbaglia pensando di far bene. Opportunamente molti si stanno dedicando ad una benemerita crociata per correggere i vizi del greenwashing (traduci “come confondere le idee su un argomento terribilmente serio”). Nella sezione approfondimenti trovate la prima parte di un report sull’argomento
davvero interessante e pieno di spunti. Di seguito vi propongo l’elenco dei 7 peccati di Greenwashing! Riflettiamoci sopra.

1) Il peccato del trade off nascosto: quando la comunicazione concentra l’attenzione solo su alcuni attributi o impatti del processo tralasciandone altri, magari meno virtuosi. L’assoluzione ? Una bella Dichiarazione Ambientale di Prodotto che informa correttamente su tutti gli impatti del ciclo di vita.

2) Il peccato dell’assenza di prova: quando si afferma qualcosa basandosi su dati ed informazioni che non vengono messe a disposizione. Troppo facile!

3) Il peccato della vaghezza: quando l’affermazione è cosi generale e poco definita che può essere facilmente confusa. Es: “tutto naturale”. Cosa significa? Fra l’altro tutto naturale non sempre è positivo (alcuni veleni sono disponibili in natura).

4) Il peccato della irrilevanza: subdolo! Spaccia per segno di bontà quello che è già richiesto dalla legge. Esempio ? Questo spray è CFC free!

5) Il peccato del minore dei due mali: attira l’attenzione sulla pagliuzza evitando la trave. Come quando si elogia la virtù ecologica di un SUV per i suoi bassi consumi!

6) La Bugia: niente di più che dichiarare qualcosa che non si possiede come ad esempio una certificazione ambientale. Purtroppo succede.

7) L’adorazione delle false etichette: quando si fa credere al consumatore che quel marchietto sia frutto di una certificazione di terze parti e cosi non è (i nostri imballi ne sono pieni).

Visita il nostro sito: www.greenactions.it

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Marketing e vendite e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...