Ecco come ridurre la “water footprint” della birra

Anheuser-Busch InBev, produttore belga di birra di marchi noti come Budweiser, Stella Artois e Beck’s, si è posto l’obiettivo di abbassare da 4 a 3,5 ettolitri il consumo di acqua per ogni hl di birra prodotto nei suoi siti di produzione entro la fine del 2012. Il raggiungimento di questo traguardo consentirebbe ad AB-InBev di diventare il produttore di birra più efficiente al mondo nel consumo di acqua. Le iniziative implementate per ottenere il risultato prefissato sono molteplici e variano da stabilimento a stabilimento. In particolare tra queste vi sono: la riduzione del diametro
degli ugelli utilizzati per il lavaggio delle bottiglie, il riutilizzo per altri scopi dell’acqua usata nel processo produttivo, la creazione di nuove figure di ispettori interni il cui compito è verificare la presenza di perdite d’acqua ed il corretto funzionamento degli impianti ed infine la messa in atto di una campagna di sensibilizzazione e formazione interna sulle tematiche legate al risparmio idrico. La riduzione del consumo d’acqua è solo uno dei vari pilastri del progetto “Better World” di AB- InBev. Tra gli altri obiettivi
dell’azienda vi sono la riduzione del consumo di energia e di emissioni di CO2
per hl prodotto ed il raggiungimento del 99% come tasso di riutilizzo dei
materiali di scarto.

Visita il nostro sito: www.greenactions.it

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...