Per l’eco-index dell’abbigliamento sta per partire la fase pilota

Le aziende produttrici di abbigliamento outdoor facenti parte dell’OIA (Outdoor industry association) saranno invitate a breve a testare la nuova versione dell’Eco Index Tool, lo strumento che si propone di misurare con uno standard condiviso l’impatto ambientale dei prodotti del settore. Due le modifiche principali che differenziano la nuova versione dell’Eco-Index rispetto alla precedente presentata lo scorso anno.L’Eco Index Tool incorporerà il sistema elaborato da Nike e denominato “Material Assessment Tool”. L’azienda di abbigliamento sportivo ha impiegato sette anni e speso circa sei milioni di dollari per realizzare questo strumento necessario ai designer per fare scelte più sostenibili nella selezione dei materiali durante le prime fasi dello sviluppo dei capi. Il Material Assessment Tool permette di assegnare a ciascun prodotto un punteggio basato su varie caratteristiche tra le quali il contenuto di materia prima riciclata e la quantità di scarto generato dalla sua produzione. Al termine del periodo di test, l’OIA modificherà l’index sulla base dei feed-back delle aziende che hanno partecipato a questa fase. Saranno successivamente inseriti in esso anche indicatori relativi agli aspetti sociali ed alle condizioni di lavoro.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Ecodesign e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...