Anche Adidas si impegna per azzerare le sostanze tossiche

Un’altra azienda leader nel settore dell’abbigliamento sportivo fa seguito alle richieste di Greenpeace e della sua campagna di pressione Detox Challenge, impegnandosi a ridurre a zero entro il 2020 l’inquinamento dovuto alla dispersione nell’ambiente di sostanze chimiche utilizzate per la produzione di capi e calzature. Adidas promette infatti pubblicamente l’eliminazione graduale delle componenti chimiche inquinanti e pericolose per la salute in tutta la sua catena di fornitura. L’azienda  tedesca ha inoltre comunicato che rispetterà  “il diritto di sapere”, al fine di garantire ai consumatori finali la piena trasparenza sull’utilizzo delle sostanze chimiche rilasciate nell’ambiente dai processi produttivi dei propri fornitori. Ha, inoltre, esplicitamente dichiarato il suo impegno a sviluppare un approccio trasversale che coinvolga tutto il settore dell’abbigliamento sportivo e non, in aggiunta al proprio piano individuale. In particolare sul banco degli imputati, tra le varie sostanze chimiche utilizzate dalla supply chain della moda, di cui Greenpeace chiede l’eliminazione,  c’è il nonilfenolo etossilato. Si tratta di una sostanza  chimica molto persistente; una volta rilasciata nell’ambiente  si accumula lungo la catena alimentare ed è in grado di alterare il sistema ormonale dell’uomo.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...