Nuovi utilizzi della bioplastica per il packaging nell’elettronica di consumo

Cresce l’attenzione del settore del largo consumo verso la sostenibilità degli imballaggi. Aumenta l’impiego di materie prime riciclabili e riciclate. E dal settore delle telecomunicazioni ci arriva il primo esempio di utilizzo di bioplastica utilizzata per le confezioni. Il colosso delle telecomunicazione AT&T sta infatti presentando al mercato accessori wireless e custodie per cellulari confezionati in un nuovo packaging realizzato in plastica ottenuta in parte da risorse rinnovabili. Il 30% delle materie prime utilizzate per le confezioni deriverebbe da bioetanolo generato grazie all’impiego di canna da zucchero. La decisione della AT&T rientra in un più ampio programma di riduzione dell’impatto ambientale degli imballaggi, che ha portato in meno di due anni a risparmiare 500 tonnellate di carta e plastica utilizzati per il packaging di telefoni e smartphones. Anche altre aziende stanno impegnandosi nella riduzione dell’impatto ambientale degli imballaggi: Dow Chemical ha creato una joint-venture in Brasile per la produzione dei bioplastica, grazie all’impiego della canna da zucchero. Anche Procter&Gamble utilizza bioplastica per alcune confezioni di prodotti della linea Pantene, Covergirl e Max Factor.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Imballi - Packaging. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...