La Apple al bivio fra mito e sostenibilità

Il successo di mercato della Apple sembra innarrestabile anche senza la guida di Steve Jobs. Il genio che si trasforma in mito sembra concedere ulteriore “lucentezza” al suo amatissimo brand. Ma se sentirsi troppo forti sembra non arrestare la capacità innovativa della Mela, forse la rende meno sensibile ai vincoli ambientali e sociali. Un peccato di arroganza che potrebbe anche costare caro. Abbiamo recentemente pubblicato notizie che riguardavano gli effetti negativi sull’ambiente e sulla salute fisica e  mentale degli operai delle enormi fabbriche che in Cina realizzano per conto di Apple i gadget elettronici desiderati in tutto il mondo. Ma ora a quanto pare il problema lo stanno provocando proprio in casa.

Si tratta nientedimeno del progetto del nuovo headquarter che,  a Cupertino, la Apple vorrebbe realizzare guardando soltanto alle sue esigenze di brand fuori dagli schemi piuttosto che alle esigenze della collettività in cui l’opera dovrebbe andare ad inserirsi. Si tratta di un enorme cerchio (o meglio di una grande ruota) che andrebbe ad occupare uno spazio che si sperava venisse recuperato ad usi più sostenibili, rendendo impossibile ogni attraversamento pedonale o ciclabile. E anche le auto, a causa della ossessione della corporate per la sicurezza, sarebbero costrette a grandi giri “inutili” con il relativo effetto sull’inquinamento.

A quanto pare questa scelta della Apple sembra essere in controtendenza rispetto alle intenzioni e ai desideri della pubblica opinione locale e delle stesse aziende che operano nella zona che cominciano a prendere  decisoni che invece favoriscono il recupero alla mobilità sostenibile di molti sobborghi dove fin ad ora l’unico mezzo di spostamento concepito era ed  è l’automobile.

E’ quindi comprensibile come il progetto di Apple abbia attirato molte critiche che però l’azienda ha deciso tranquillamente di ignorare. Per saperne di più e per valutare se anche questa volta il mito può prevalere sul buon senso, potete seguire questo link.

Leggi altri articoli del blog su Apple

Se l’articolo è stato di tuo interesse, visita il nostro sito: www.greenactions.it ed iscriviti alla newsletter gratutita.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...