Progetto Pecan Street: un banco di prova per il futuro delle “smart grid”

Pecan Street è un luogo ma è anche un progetto. Si trova a poche miglia da Austin in Texas ed è una comunità in cui vengono testate da circa due anni le innovazioni tecnologiche per lo sviluppo di una maggiore efficienza energetica, in particolare le “smart grid” che cambieranno radicalmente il modo di produrre, gestire e usare l’elettricità.

Pecan Street Inc. è un consorzio no profit  formato da università, fornitori di pubblici servizi ed aziende come Intel, Sony, Whirlpool, Chevrolet e molte altre che collaborano per testare, sperimentare e commercializzare tecnologie smart grid e prodotti ad esse collegabili. Ricordiamo che per “Smart grid” si intende una rete ‘intelligente’ utilizzata per la distribuzione dell’energia elettrica, il cui software analizza il flusso elettrico del sistema, integraeventuale energia rinnovabile nella rete e attiva o sospende processi industriali o domestici nei periodi in cui l’elettricità costa meno o di più.

La comunità di Pecan Street comprende 400 abitazioni residenziali e vari edifici commerciali. A disposizione degli abitanti vi sono inoltre 60 auto elettriche Chevrolet Volt e più di 200 abitazioni sono dotate di pannelli solari. Sia le auto che i pannelli solari sono stati progettati per  connettersi con i dispositivi di gestione dell’energia presenti nelle abitazioni.

Fino a oggi, Pecan Street ha raccolto circa due anni di dati sul consumo energetico da sistemi di sensori installati nella comunità. Con l’analisi di grandi quantitativi di dati, è possibile sviluppare informazioni più accurate sul modo in cui viene utilizzata e gestita l’energia dai consumatori, in modo da offrire loro le conoscenze e gli strumenti per gestire e ridurre il consumo energetico. È inoltre possibile fornire alle società di servizi pubblici dati utili per effettuare investimenti più oculati nella modernizzazione della rete elettrica. Per maggiori informazioni, visitate il sito del progetto: http://www.pecanstreet.org/

Se l’articolo è stato di tuo interesse, visita il nostro sito: www.greenactions.it ed iscriviti alla newsletter gratutita.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Energia, Ricerca e Sviluppo e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...