Vancouver punta all’oro della sostenibilità con l’asfalto in plastica riciclata

asfalto vancouverLa citta di Vancouver in Canada vuole diventare nel 2020 la citta più verde del pianeta. Per raggiungere questo obiettivo punta anche sulla innovazione tecnologica. In questi mesi sta completando la sperimentazione di un nuovo tipo di asfalto che, utilizzando plastica riciclata, consuma molta meno energia nella fase di  produzione e distribuzione  e dura anche più a lungo. Una case history davvero interessante o troppo lontano dalla nostra realtà ?

Come recita il suo stesso sito http://vancouver.ca/green-vancouver/a-bright-green-future.aspx già oggi Vancouver viene riconosciuta come una delle più vivibili e sostenibili città al mondo ma nonostante ciò la sua impronta ambientale è tre volte superiore a quella che può essere sostenuta dal nostro pianeta. Questo sincero ed efficace riconoscimento ha motivato l’amministrazione della città canadese a porsi l’ambizioso obiettivo di diventare la città più verde del mondo entro il 2020 adottando tutta una serie di interventi per contenere consumi, sprechi ed emissioni. Ovviamente si è puntato sul coinvolgimento dei cittadini ma quello che colpisce è che in questo impegno Vancouver si è anche trasformata in imprenditore, o meglio in innovatore, cercando e sviluppando in proprio le stesse tecnologie e prodotti che possono aiutarla in questo risultato.

Dall’obiettivo di lungo periodo per la sostenibilità derivano quindi i test che si stanno compiendo a Vancouver in questi mesi per valutare definitivamente l’impiego di un nuovo tipo di asfalto che può essere prodotto e trasformato ad un più basso grado di temperatura risparmiando per questo motivo una buona quantità di energia. Si parla di una temperatura di produzione che passa dai 160 ai 120 gradi con un risparmio di energia complessivo del 20% . Questo risultato viene ottenuto grazie ad una mescola che comprende anche l’impiego di plastica riciclata al 100% proveniente da contenitori di ogni tipo dallo yogurt allo shampo, all’acqua minerale.

In realtà il composto era stato scoperto e testato per la prima volta in Europa negli anni ’90, ma poi era stato abbandonato di fronte a difficolta di applicazione. Sono stati proprio gli ingegneri della città canadese ad andarlo a recuperare e, con la collaborazione di aziende del luogo, a trovare una soluzione per il suo utilizzo.  Inoltre il nuovo asfalto sembra avere una maggiore durata di esercizio e potrà essere addirittura riutilizzato. Se anche gli ultimi test risulteranno positivi tutta la pavimentazione delle strade di Vancouver sarà progressivamente realizzata con il nuovo prodotto.

Una storia che conferma come le città impegnate a contenere un impatto ambientale sempre più grande (più della metà della popolazione mondiale vive ormai nelle città e questa quota è destinata a crescere ) possono trasfrormarsi in un decisivo fattore di sviluppo ed innovazione. Non perdiamole di vista !

Se l’articolo è stato di tuo interesse, visita il nostro sito: www.greenactions.it ed iscriviti alla newsletter gratutita.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Ricerca e Sviluppo e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...