Misurare per conoscere ed intervenire. Finanziamenti e report facilitano le scelte


La realizzazione di un modello di sviluppo più sostenibile con il concorso delle imprese passa sicuramente attraverso la conoscenza e l’informazione. E’ necessaria una diffusa consapevolezza anche quantitativa degli impatti sull’ambiente dei processi di produzione e consumo e la condivisione delle strategie e dei risultati ottenuti. Questo è il nostro obiettivo e raccogliamo molti segnali favorevoli in questa direzione.

Nell’ultima newsletter avevamo dato conto del bando el Ministero dell’Ambiente che cofinanzia le spese necessarie per misurare – ridurre e comunicare la carbon footprint di beni di largo consumo. Un incentivo importante anche se le modalità del bando non hanno favorito la partecipazione. Forse non casualmente molti articoli di questa edizione riguardano proprio questo argomento: è infatti indubbio che le emissioni di gas serra ed i cambiamenti climatici che ne derivano sono la principale fonte di preoccupazione per la sostenibilità ambientale.

L’impressione è che a livello internazionale ci sia ormai maggiore dimestichezza che nel nostro Paese ad includere la conoscenza di questo impatto ambientale nelle strategie aziendali e nelle decisioni di acquisto dei consumatori.

L’inizio dell’anno è sempre periodo di report che fanno la sintesi di ciò che è successo nell’anno passato o che cercano di prevedere quanto potrà succedere nei 12 mesi appena iniziati. In queste settimane abbiamo raccolto alcuni report molto interessanti che metteremo alla vostra attenzione. Come ad esempio il Report Product Mindset di UL che raccoglie le valutazioni di produttori e consumatori su scala globale circa le competenze e le strategie che possono determinare nei prossimi anni la competitività sui mercati internazionali. Questo report per noi è particolarmente interessante perche si occupa dei temi riguardanti la sostenibilità confrontando la sua rilevanza insieme alle leve che più tradizionalmente vengono considerate nelle strategie di business. Ne viene fuori che la sostenibilità ha ormai acquisito una rilevanza di primo piano per la competizione di mercato, rilevanza crescente anche se ancora inferiore rispetto a fenomeni come la qualità e la sicurezza.

Un altro report che ci accompagna da quando abbiamo iniziato questa rubrica è lo State Of Green Business che, con la versione del 2013 è arrivato alla sua settima edizione. Il report viene preparato da GreenBiz.com, editore americano specializzato nei temi della Green Economy. L’edizione di quest’anno ha assunto una visione più globale che dedica maggiore attenzione ai dati statistici provenienti dal resto del Mondo, per questo motivo è ancora più interessante per noi.

Il report propone come sempre i 10 trend che dovrebbero informare l’evoluzione della green economy nei prossimi 12 mesi e successivamente i dati statistici (le metriche) che descrivono l’andamento degli sforzi compiuti dal mondo del business per ridurre l’impatto ambientale della sua attività. Nei prossimi numeri della nostra newsletter daremo particolare spazio ai contenuti dello State of Green Business 2013 che ci aiuterà a capire come si sta evolvendo la relazione fra Mercato, Impresa  Competitività e Sostenibilità. Seguiteci!

Se l’articolo è stato di tuo interesse, visita il nostro sito: www.greenactions.it ed iscriviti alla newsletter gratutita.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Editoriali e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...