Le Applicazioni M2M opportunità per innovazione e sostenibilità

m2m_internetLa generale diffusione delle tecnologie Machine to Machine potrebbe determinare la riduzione di 9,1 milioni di tonnellate di Co2 entro il 2020 pari al 18,6% delle emissioni globali del 2011. Nel frattempo si stima dal punto di vista economico una crescita media annua degli investimenti in questo settore pari al 23% che permetterà loro di raggiungere il valore di quasi mille miliardi di dollari nel 2020. Lo afferma un report reso pubblico recentemente da AT&T e Carbon War Room. Ma cosa si intende per applicazione M2M ?

Si tratta di un processo che genera dati, li trasmette, li analizza e determina un feedback operativo in modo automatico, sostanzialmente senza l’intervento dell’uomo. Ma ciò  che più conta è che l’impiego di queste tecnologie viene considerata  fra quelle a maggior potenziale  nella riduzione delle emissioni di gas serra; comunque paragonabile alla affermazione delle energie rinnovabili. Le applicazioni M2M ci permetteranno di produrre di più con meno, riducendo i consumi di energia e di risorse naturali e risparmiando tempo. Questi effetti determineranno anche vantaggi economici che si andranno a sommare a quelli determinati dallo sviluppo di un nuovo settore di business.

Secondo il Report di AT&T i settori economici in cui  gli effetti della applicazione Machine to  Machine saranno più significativi sono l’energia, i trasporti, le costruzioni e l’agricoltura. Per quanto riguarda l’energia l’impiego diffuso degli Smart meter permetterà la affermazione delle rete intelligenti in grado di rendere più efficiente la produzione e la distribuzione di energia e di facilitare la affermazione delle rinnovabili.
Nei trasporti i nuovi sensori guideranno ad un utilizzo più efficiente delle reti disponibili mentre nel settore immobiliare permetteranno soprattutto di ridurre il consumo di energia per la climatizzazione. In agricoltura infine renderanno possibile la riduzione dell’utilizzo di fertilizzanti, acqua e delle altre risorse a parità di risultato produttivo.

La ricerca dà anche indicazioni sulle attuali limitazioni allo sviluppo delle applicazioni M2M. La catena del valore frammentata che rende difficile l’acquisto di un prodotto finito completo, la mancanza di standard universale (tipico delle fasi di introduzione delle applicazione di information tecnology), la mancanza di informazioni sulle reali performance delle soluzioni offerte, l’implementazione di modelli di marketing e di vendita più efficaci.

I più interessati possono scaricare qui il report dell’AT&T.

Se l’articolo è stato di tuo interesse, visita il nostro sito: www.greenactions.it ed iscriviti alla newsletter gratutita.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Information Technology e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...