E’ on line il primo Atlante per mappare il rischio idrico nel mondo

Global-Water-StressIl World Resources Institute (WRI) ha lanciato on line l’Atlante del rischio idrico, denominato “Aqueduct Water Risk Atlas”, per aiutare aziende, investitori e governi a capire come la scarsità d’acqua può condizionare le loro attività sia localmente che globalmente.L’iniziativa è nata da una collaborazione tra pubblico e privato e sotto l’egida del WRI che ha coinvolto aziende  come la Dow Chemical, GE, Goldman Sachs, Bloomberg, John Deere ed i Governi di Olanda e Svezia.

Le mappe dell’Atlante sono state realizzate utilizzando 12 differenti indicatori che permettono di valutare i rischi fisici, legislativi e sociali legati all’utilizzo dell’acqua in tutti i Paesi del mondo. La sintesi di tali indicatori ha portato alla definizione di un “indicatore globale di base dell’impatto idrico” che permette di individuare a colpo d’occhio le zone del mondo a maggior rischio di scarsità d’acqua. Servendosi dell’Atlante le aziende potranno così esaminare la situazione idrica delle location di loro interesse quando valuteranno di creare nuovi stabilimenti, aprire nuovi mercati o cercare nuovi fornitori. D’altra parte una così chiara evidenziazione della situazione del rischio idrico del nostro pianeta non può che aumentare la consapevolezza del problema e l’attenzione alla cura di una risorsa così preziosa.

Stress idrico_ItaliaAnche il nostro Paese è riportato nella Mappa e notiamo dall’immagine che anche qui non mancano zone dove il rischio scarsità “acqua” comincia a farsi sentire, anche alla luce dell’eventuale estensione nei prossimi anni di fenomeni di siccità legati al riscaldamento globale. Proprio per questo sono quanto mai necessarie politiche sempre più efficaci e credibili da parte di aziende ed istituzioni, sia sul fronte della mitigazione dei processi in atto che sul fronte dell’adattamento della nostra attività alle nuove condizioni climatiche. Potete trovare qui tutte le mappe dell’ Atlante idrico on line.

Se l’articolo è stato di tuo interesse, visita il nostro sito: www.greenactions.it ed iscriviti alla newsletter gratutita.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Misurazione impatti e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...