Gli shopper diventano una miniera per le nuove tecnologie

nanotecnologieI nano materiali sono particolarmente ricercati per lo sviluppo di prodotti innovativi . E fra questi quelli a base di carbonio  hanno già trovato molteplici applicazioni La produzione rappresenta tutt’ora il punto critico per la definitiva affermazione sul mercato. Una nuova tecnologia promette di risolvere questo problema riutilizzando prodotti poco apprezzati  come le buste di plastica.

L’Università di Adelaide ha recentemente comunicato di aver messo a punto un sistema di produzione in grado di ottenere nano tubi di carbonio utilizzando la riconversione della tradizionali buste di plastica dei supermercati. Se la soluzione si confermasse tale in fase di implementazione su larga scala favorirebbe lo sviluppo delle molteplici applicazioni  dei nano tubi di carbonio e darebbe una motivazione ad alto valore aggiunto per il riciclo degli shopper che contribuiscono in maniera significativa all’inquinamento di acque e territorio.

La ricerca della Università è partita prendendo in considerazione l’etanolo per la produzione dei nano materiali in carbonio ma ben presto gli scienziati si sono accorti di avere una fonte di approvvigionamento molto più abbondate nelle buste di plastica. Il processo comincia con la vaporizzazione delle buste, risultato che libera gli atomi di carbonio che a loro volta vengono “acchiappati” da un foglio di materiale attorno al quale poi vanno a costruire i tubi di nano materiale .

Una soluzione per produrre nano tubi di carbonio dalle buste di plastica era già stato sviluppato nel 2009 da un altro centro di ricerca che però doveva impiegare un procedimento più lento, costoso ed anche inquinante. La nuova soluzione più semplice permette anche si controllare forme e dimensioni dei nano tubi

la nuova tecnologia potrebbe permettere la definitiva affermazione dei nano materiali di carbonio in settori molto importanti come l’energia o la medicina grazie ad una maggiore facilità di produzione . Fino ad oggi essi sono stati utilizzati particolarmente nel settore dell’elettronica e dei materiali sportivi.

Se l’articolo è stato di tuo interesse, visita il nostro sito: www.greenactions.it ed iscriviti alla newsletter gratuita.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Ricerca e Sviluppo e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...