L’Oreal si impegna contro la deforestazione

orealblogA dicembre avevamo già scritto a proposito di “Sharing Beauty with All”, l’ambiziosa strategia “green” di l’Oreal.  Bene, al già nutrito programma che si fonda su quattro pilastri: innovare, produrre, vivere in maniera sostenibile e sviluppare la sostenibilità, si aggiunge ora un altro importante obiettivo: la lotta alla deforestazione.Il colosso della cosmetica l’Oréal, spinto da Greenpeace,  si infatti  impegnato ad approvvigiornarsi  di materie prime sostenibili al 100% e provenienti da fonti certificate e rinnovabili, entro il 2020. In più si è impegnato, entro lo stesso termine,  a raggiungere l’obiettivo di “deforestazione zero”, soprattutto per quanto riguarda l’ottenimento di tre ingredienti fondamentali per i suoi prodotti: fibra di legno, olio di palma ed olio di soia.

Per quanto riguarda la fibra di legno, L’Oreal, già dal 2007, ha richiesto a tutti i suoi fornitori di usare solamente materie prime provenienti da foreste certificate FSC (Forest Stewardship Council) e PEFC (Programme for Endorsement of Forest Certification schemes: un programma di riconoscimento degli schemi di certificazione forestale nazionali). Nel 2012 l’azienda ha annunciato che il cartone utilizzato per le sue confezioni è certificato per il 97%. La certificazione del 100% della carta utilizzata è prevista, come detto, entro il 2020.

Passando a parlare dell’olio di soia, l’Oréal dichiara di usarne quantità ridotte soprattutto come ingrediente dei prodotti per la cura della pelle, per via delle sue proprietà emollienti. Per l’approvvigionamento dell’olio di soia  l’Oréal non usa certificazione esterna, ma porta avanti il proprio programma Fair Trade acquistando l’olio di soia biologico dai piccoli produttori di Capanema in Brasile che utilizzano metodi di coltura biologici e non ricorrono alla deforestazione.

Più complessa è la situazione per quanto riguarda l’olio di palma. Questo ingrediente è utilizzato dall’Oreal nei suoi prodotti per la cura dei capelli e della pelle per via delle sue proprietà emollienti. L’azienda utilizza anche altri derivati dall’olio di palma, in particolare per gli shampoo per via delle loro proprietà schiumogene.Alla fine del 2012 il 100 %  degli acquisti di olio di palma da parte dell’Oreal sono stati effettuati secondo i principi stabiliti dall’ RSPO – Round Table on Suatainable Palm Oil, il cui scopo è quello di garantire l’integrità e la biodiversità delle foreste.

Pur ribadendo il suo sostegno alla RSPO, L’Oréal considera che la deforestazione legata all’olio di palma non sta rallentando e perciò le aziende devono urgentemente rafforzare il coinvolgimento della loro catena di fornitura per ottenere una completa tracciabilità sulle fonti di approvvigionamento dell’intera catena. Entro il 2015 quindi il 100% dell’olio di palma e dei suoi derivati provenienti dalla supply chain dell’Oreal sarà completamente tracciabile ed entro il 2020 il 100% dei suoi acquisti di olio di palma saranno certificati a “zero deforestazione”.

Se l’articolo è stato di tuo interesse, visita il nostro sito: www.greenactions.it ed iscriviti alla newsletter gratuita.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in CSR e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...