Batterie elettriche usate ed energie rinnovabili fanno sinergia

energyblogCome prendere due piccioni con una fava. E’ un po’ semplicistico sintetizzare i pregi di una innovativa soluzione tecnologica che arriva dal Giappone  con un  tradizionale detto popolare del nostro paese, ma alla fine è quel che viene in mente leggendo questa notizia. Vediamo di cosa si tratta.

I piccioni sono la soluzione di due problemi che rappresentano vincoli importanti per l’affermazione definitiva di altrettante tecnologie su cui si basa una buona parte delle speranze di realizzare un sistema di produzione e consumo di energia a basso  impatto ambientale. Mi riferisco alla diffusione delle energie rinnovabili e dei veicoli elettrici. Per quanto riguarda le prime già molti di noi sanno che una delle principali obiezioni dei critici, più o meno interessati,  riguarda i costi di adeguamento della rete di distribuzione di energia. Costi che si rendono necessari per affrontare la variabilità insita nella produzione della maggior parte delle fonti rinnovabili di energia (il sole non scalda di notte, il vento non soffia costante e cosi via).

Per quanto riguarda i motori elettrici invece sappiamo che il loro tallone di Achille consiste nelle batterie elettriche che sono costose , un po’ lente da caricare (ma qui si stanno ottenendo buoni risultati) e anche particolarmente tossiche ; il che rende costosa anche la fase di smaltimento

Proprio su quest’ultimo problema si è concentrata la Sumitomo, grande corporation tecnologica giapponese, che nel 2010 ha dato vita ad una nuova iniziativa, la 4R Energy Corporation, i cui risultati a quanto pare hanno portato rapidamente alla produzione del legume (la fava). Nel nostro caso si tratta del primo sistema al mondo di accumulazione di energia su larga scala che utilizza batterie usate di veicoli elettrici .

Il nuovo sistema è stato avviato nell’isola giapponese di Yuma-shima proprio nel mese di marzo di quest’anno, dopo un periodo di test che ha messo in linea poche decine di batterie. La collocazione non è casuale, ovviamente, visto che prossimamente in quella zona dovrà sorgere un importate campo di produzione di energia solare , alla cui accumulazione potrà essere convenientemente dedicato il sistema della Sumitomo.

Le aspettative per la affermazione del nuovo progetto di accumulazione di energia rinnovabile su larga scala sono molto alte. Il controllo, la manutenzione e l’impiego economico e sicuro  di batterie usate potrebbe rappresentare un importante punto di svolta per la diffusione  dei veicoli elettrici, visto la preoccupazione che destava il loro smaltimento al termine del ciclo di vita , in caso di una forte crescita della loro diffusione.

Un momento importante questo per il settore . Recentemente sono giunte alcuni importanti risultati che riguardano la Tesla che può essere considerata, fatti  debiti paragoni, quello che la Apple è stata per i personal computer . I suoi veicoli hanno superato con il massimo dei voti alcuni standard dei  controlli di sicurezza e la società ha annunciato un nuovo sistema di ricarica più veloce ed economicamente competitivo con i carburanti a base fossile. Fosse la volta buona ?

Se l’articolo è stato di tuo interesse, visita il nostro sito: www.greenactions.it ed iscriviti alla newsletter gratuita.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Energia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...