La storia di Catclo, l’additivo per il bucato che rende l’aria più pura

bed7805861fdda2700c5c7aeed8b870bUna fortunata collaborazione tra il mondo del fashion e quello della chimica ha dato vita ad un progetto sorprendente: la creazione di un additivo chimico per il bucato che consente di ridurre l’inquinamento atmosferico, semplicemente indossando o mettendo ad asciugare all’aperto i propri abiti. Ma conosciamo meglio questa storia.
Spesso la creatività non conosce confini; anzi può accadere che proprio dall’incontro di mondi all’apparenza distanti, come quello della ricerca chimica e quello della moda, possano svilupparsi delle idee geniali.

Proprio in questo modo è nato CatClo (Cataltic Clothing) l’additivo chimico,  frutto della collaborazione tra il chimico Tony Ryan dell’Università di Sheffield e della stilista Helen Storey del London College of Fashion. CatClo è  un additivo liquido che contiene nanoparticelle di biossido di titanio (TiO2). Queste, grazie all’azione della luce solare ed anche al movimento di chi indossa gli abiti trattati, hanno il potere di neutralizzare gli ossidi di azoto (NOx) principali responsabili dell’inquinamento atmosferico.

Secondo i ricercatori dell’Università di Sheffield, un solo abito trattato con CatClo sarebbe in grado di neutralizzare 5 grammi di ossidi di azoto, ossia l’equivalente dell’inquinamento emesso da un’auto usata da una famiglia ogni giorno. Inoltre se l’intera popolazione di una città come Sheffield lavasse i propri vestiti utilizzando Catclo sarebbe possibile eliminare tre tonnellate al giorno di inquinamento da NOx.

Questa però non è ancora una storia a lieto fine…a circa due anni dalla sua scoperta, gli ideatori di Catclo stanno ancora cercando un’azienda che voglia adottare e commercializzare su larga scala l’additivo per il bucato che “purifica l’aria”. La maggior parte di queste non lo considera un prodotto (o un concetto) facile da vendere.

Per fronteggiare lo scetticismo e l’ inerzia del mondo aziendale, i due inventori di Catclo hanno dato vita ad una campagna di sensibilizzazione rivolta al grande pubblico per accertare la presenza di un interesse (e di un mercato) per il prodotti nati per “far bene all’ambiente”. Il video che vi mostriamo ha per protagonisti una famosa modella ed un noto gruppo musicale ed ha raggiunto, soprattutto grazie ai social media, circa 300 milioni di persone nel mondo. Sarà sufficiente per far sì che qualcosa cambi?

Catalytic Clothing – Herself from Helen Storey Foundation on Vimeo.

Per saperne di più: www.catalytic-clothing.org

Se l’articolo è stato di tuo interesse, visita il nostro sito: www.greenactions.it ed iscriviti alla newsletter gratuita.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Ecodesign e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...